Due amiche insieme, ma distanti, lavorano per documentare le specie botaniche presenti su due territori lontani: *Lago di Garda e dintorni *Sardegna costa di Cagliari e suo entroterra... e non solo .......anche rilevamenti, foto, scambio di informazioni,suggerimenti.

mercoledì 27 gennaio 2010

Orchis papilionacea L. (Ofride farfalla)

Acquarello su carta 210mm x 297mm

Orchis papilionacea L. subsp. papilionacea - (Ofride farfalla) è una specie spontanea morfologicamente e cromaticamente più simile alle orchidee esotiche.
Nel genere Ophrys il labello ha raggiunto un grado di specializzazione tale da simulare, in maniera stupefacente, l'addome della femmina corrispondente all'insetto pronubo a cui è affidata l'impollinazione. La simulazione risulta così perfetta che induce gli ignari insetti ad effettuare tentativi di accoppiamento con il labello (pseudocopulazione).
Il suo nome deriva dal greco orchis = testicolo per i suoi tuberi che ricordano gli organi seminali maschili.
Il nome specifico deriva dal latino papilio = farfalla, per la forma del labello simile alle ali di una farfalla.
Le sue foglie basali sono distese, lineari-lanceolate con presenza nel fusto di cauline guainanti.
Infiorescenza lassa, più o meno densa, con brattee membranacee soffuse di porpora. Fiori vistosi, con sepali e petali nettamente venati di rosso-porpora con striature scure, conniventi in casco piuttosto lasso; di colore rosa-rosso violaceo; labello intero, con il bordo crenulato, di colore più chiaro e brillante rispetto ai tepali, la base ed il centro più chiari; sperone conico, lungo come l'ovario, orizzontale o lievemente piegato in basso.
Il suo periodo di fioritura va da marzo a giugno.
Habitat: prati magri e incolti, garighe, boschi aperti.
Il suo nome locale è: Orchidea àresti.
Lisa Usai

Etichette:

1 Commenti:

Anonymous Brazil ha detto...

Bellissima

giovedì 4 febbraio 2010 23:01:00 GMT

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page